Scroll Top
carie cura

CARIE: SINTOMI E CURE

La carie colpisce circa il 63% della popolazione adulta e quasi la metà ha perso un dente per colpa di questa patologia.

Il tempo è un fattore fondamentale per curare tempestivamente la malattia!

VUOI SUBITO UNA VISITA
SENZA IMPEGNO A BOLOGNA?

carie sintomi

COME CAPIRE SE HAI UNA CARIE?

La carie è una malattia insidiosa perché nelle prime fasi spesso risulta asintomatica ed è libera di svilupparsi finché non si manifesta con i primi sintomi: dolore, cambiamento del colore dello smalto, fratture del dente.

Quando comincia il mal di denti puó significare che la carie si è spinta in profondità fino alla polpa dentale, da qui il quadro clinico tende ad aggravarsi facilmente con gli altri sintomi tipici della malattia: alito cattivo, ipersensibilità alle temperature e dolore diffuso su tutta la zona limitrofa.

COMPLICANZE

In fase tardiva la carie produce una serie di complicanze molto gravi che possono compromettere il dente: quando arriva a colpire la polpa dentale può infiammarla generando la pulpite e/o granulomi che possono evolvere in un ascesso dentale.

CARIE: CURA CON OTTURAZIONE

Il trattamento classico per la cura della carie è l’otturazione: il dente eroso dal processo cariogeno viene accuratamente ricostruito con delle resine composite per ricreare la forma originale. La ricostruzione viene fatta usando la diga, un telino in lattice che isola il dente proteggendo il paziente e facendo lavorare al massimo i nostri materiali che non gradiscono ambienti acquosi.

Questo trattamento risulta molto efficace quando la carie è superficiale e non si è spinta troppo in profondità: per questo il tempo è un fattore determinante, intervenendo tempestivamente possiamo salvare il dente con un intervento relativamente semplice e poco costoso.

carie otturazione

TERAPIE PER I CASI GRAVI

Tuttavia a volte l’otturazione non è sufficiente quando il processo cariogeno è in fase avanzata: in questi casi la terapia più indicate è la devitalizzazione.

Solo nei casi più gravi, quando il dente è giudicato irrecuperabile si procede invece con la sua estrazione.